Non Solo Kawaii


Non Solo Kawaii


Non Solo Kawaii


Non Solo Kawaii


Non Solo Kawaii

Non Solo Kawaii
Home !Kawaii News!, Event, [Art Misc]

Alice in Wonderland The Movie - Tim Burton

9 Marzo 2010 7 comments

Poster - Alice in Wonderland
Poster - Alice in Wonderland, 2010


Italian Trailer - Alice in Wonderland, 2010

Le pubblicità e i trailer hanno iniziato a martellarci dallo scorso anno, qualsiasi ragazza (o giovane donna) che ami ancora le favole è da allora in trapidazione e guarda con desiderio i numerosissimi gadget e le linee che i brand hanno dedicato a questo evento.
Di che cosa stiamo parlando? Del film dell’anno ovviamente, che per ogni ragazza kawaii che si rispetti non è “Avatar”, bensì “Alice in Wonderland” di Tim Burton.

The advertisings and the trailers have begun to bombard us since the last year, any girl (or young woman) who still loves fairy tales has been waiting since that time and looks longingly at the merchandise and the lines that the brands have dedicated to this event.
What are we talking about? The movie of the year, of course, that for every self-respecting kawaii girl isn’t “Avatar”, but is “Alice in Wonderland” by Tim Burton.

Mushrooms Forest / Foresta di funghi - Alice in Wonderland
Mushrooms Forest / Foresta di funghi - Alice in Wonderland, 2010

Alice in the Mushrooms Forest / Alice nella Foresta di funghi - Alice in Wonderland
Alice in the Mushrooms Forest / Alice nella Foresta di Funghi - Alice in Wonderland, 2010

Dodo, Mallymkun, Pincopanco, Pancopinco, Bianconiglio / Dodo, The Dormouse, Tweedledum, Tweedledee, The White Rabbit - Alice in Wonderland
Dodo, Mallymkun, Pincopanco, Pancopinco, Bianconiglio / Dodo, The Dormouse, Tweedledum, Tweedledee, The White Rabbit - Alice in Wonderland, 2010

Già dal 2008 Tim Burton rilasciava interviste che lasciavano ingolosire tutti i suoi fans e gli amanti di Alice:

“È un progetto divertente. La storia è ovviamente un classico con immagini, idee e pensieri iconici. Ma nonostante tutte le versioni del film, beh, non ne ho mai visto uno che abbia veramente avuto un impatto su di me. È sempre rappresentato solo come una serie di strani eventi. Ogni personaggio è strano e lei è solo come se vagasse da un incontro all’altro, come una sorta di osservatore. L’obiettivo è quello di tentare di farne un film avvincente, dove si evince psicologia dei personaggi, e di portare freschezza, mantenendo tuttavia la natura classica di ‘Alice’. E, si sa, realizzarlo in 3-D si addice abbastanza bene al soggetto. Così sono entusiasta di farne una nuova versione, ma anche di avere gli elementi che la gente si aspetta quando pensano al soggetto”.

Alla fine dopo la prima a Londra, il 25 Febbraio di quest’anno, finalmente sono trapelati i primi pareri e le prime review, lette avidamente da chi aspettava l’uscita nelle sale i primi di marzo.

Since 2008 Tim Burton has given interviews that make his fans and Alice’s lovers take a fancy:

“It’s a funny project. The story is obviously a classic with iconic images and ideas and thoughts. But with all the movie versions, well, I’ve just never seen one that really had any impact to me. It’s always just a series of weird events. Every character is strange and she’s just kind of wandering through all of the encounters as just a sort of observer. The goal is to try to make it an engaging movie where you get some of the psychology and kind of bring a freshness but also keep the classic nature of ‘Alice.’ And, you know, getting to do it in 3-D fits the material quite well. So I’m excited about making it a new version but also have the elements that people expect when they think of the material”.

Finally, after the première in London, on February 25, the first opinions and reviews were leaked, and were read avidly by those who waited for the release in the cinemas in early March.

La Regina Rossa / The Red Queen - Alice in Wonderland
La Regina Rossa / The Red Queen - Alice in Wonderland, 2010

La Regina Rossa / The Red Queen - Alice in Wonderland
La Regina Rossa / The Red Queen - Alice in Wonderland, 2010

  • Com’è questo Alice in Wonderland? / How is this Alice in Wonderland?

Sicuramente è diverso da qualsiasi cosa ci si aspettasse da Tim Burton, è un cocktail tratto dagli originali libri di Lewis Carroll, “Alice nel Paese delle Meraviglie” e “Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò”, come del resto lo è stato l’illustre predecessore della Disney datato 1951, dall’inconfondibile atmosfera surreale e gotica del visionario regista evidentemente influenzato dal tocco buonista della casa produttrice Walt Disney Pictures; infatti troviamo un’Alice con degli obiettivi, con un destino già tracciato, quindi non il solito protagonista burtoniano outsider e insicuro.
Aggiungiamo un tocco di psicadelia, una rivisitazione psicologica dei personaggi e un filone principale che segna la strada di Alice e il cocktail è pronto.

We didn’t expect this of Tim Burton, it is a cocktail with the characteristics of the original books written by Lewis Carroll,  “Alice’s Adventures in Wonderland” and “Through the Looking-Glass”, as indeed was the previous Disney movie released in 1951, with the unmistakable surreal and gothic atmosphere of the visionary director who is obviously influenced by the fine sentiments which mark the producer of the movie, Walt Disney Pictures; in fact we find Alice who sets her targets, with a marked destiny, so she is not the usual Burton’s outsider and insecure protagonist.
To complete this cocktail we add a touch of psychedelia, a interesting psychological study of the characters and a main plot which marks Alice’s destiny.

L'Esercito della Regina Bianca / The White Queen's Army - Alice in Wonderland
L’Esercito della Regina Bianca / The White Queen’s Army - Alice in Wonderland - Alice in Wonderland, 2010

La Regina Bianca e La Regina Rossa / The White Queen and The Red Queen - Alice in Wonderland - Alice in Wonderland
La Regina Bianca e La Regina Rossa / The White Queen and The Red Queen - Alice in Wonderland - Alice in Wonderland, 2010

L'Esercito della Regina Rossa / The Red Queen's Army - Alice in Wonderland
L’Esercito della Regina Rossa / The Red Queen’s Army - Alice in Wonderland, 2010

Trama / Plot

Alice ha 19 anni e, dopo la morte del padre, viene organizzata una festa a sorpresa con influenti personaggi della borghesia vittoriana. La sorpresa è tutta di Alice che scopre di essere la promessa sposa del “buon partito”, ma poco avvenente, Hamish Ascot.
Confusa e spaventata scappa e nei pressi del giardino, dove trova il Bianconiglio che correndo entra in un buco. Troppo curiosa per non sbirciare, si sporge e vi cade ruzzolando fino alla famosa anticamera dove su un tavolo trova un’ampolla con l’etichetta “Drink Me”, che la farà rimpicciolire e le permetterà di entrare nel Paese delle Meraviglie.
Qui sarà accolta come una salvatrice predestinata e, tra tanti incontri con i personaggi che hanno animato la nostra infanzia, si ritroverà ad affrontare la missione affidatale: affrontare in un combattimento la Regina Rossa e il suo esercito per liberare il Paese delle Meraviglie dalla tirannia.

After the death of her father, it was organized a surprise party for Alice, who is 19 year old, where influential people of the Victorian bourgeoisie were invited. But the real surprise for Alice is the discovery of her engagement with the “good match”, but not very handsome, Hamish Ascot.
Confused and scared she runs into the garden, where she sees the White Rabbit which comes into a hole. Too curious not to peek, she leans over and falls into the hole tumbling to the famous hall where on a table there is a phial labeled “Drink Me”, which will make her shrink and will let her enter in Wonderland.
There she is welcomed as a predestined savior and, after many encounters with the characters who enlivened our childhood, she faces the task assigned to: a fight against the Red Queen and her army, to free the Wonderland from the tyranny.

Il Castello della Regina Bianca / The White Queen's Castle - Alice in Wonderland
Il Castello della Regina Bianca / The White Queen’s Castle - Alice in Wonderland, 2010

Il Castello della Regina Bianca / The White Queen's Castle - Alice in Wonderland
Il Castello della Regina Bianca / The White Queen’s Castle - Alice in Wonderland, 2010

  • Commenti / Reviews
Angela

Questo film è un incanto per gli occhi di tutti gli amanti dello stile gotico e surreale, che desidereranno avere gli abiti dei protagonisti e vivere tra le magiche scenografie. La cosa che più mi è piaciuta sono state le architetture dei castelli delle regine: il castello della Regina Rossa con il tema delle carte da gioco di cuori, decorato con cuori, velluto rosso e fenicotteri, contrapposto a quello della Regina Bianca, che ha il tema degli scacchi bianchi, con siepi, balconate e statue a forma di testa di cavallo.
Quello che proprio non mi ha convinta e che mi ha molto delusa è stata la trama…
↓ Spoiler della trama qui sotto ↓
Il personaggio che mi ha stupito è stata la Regina Bianca: non era la regina buona e pura che mi sarei aspettata, ma una donna che sbatte gli occhi per avere ciò che desidera, che col sorriso crea pozioni a base di dita mozzate e che poi dice di non poter uccidere il drago Ciciarampa perchè, a detta sua, ha fatto un voto. Secondo me la Regina Bianca è più crudele e falsa della Regina Rossa.
Pollice in giù per il finale, a partire dal ballo assurdo del Cappellaio Matto e fino ad arrivare ad Alice in versione mercante che sale su una nave alla conquista della Cina.

This film is a pleasure to the eye of all the lovers of gothic and surreal style, who want to wear the clothes of the characters and live in that magical scenery. The thing that I liked the most was the architecture of the Queens’ castles: the Red Queen’s castle decorated with playing cards, hearts, red velvet and flamingos, as opposed to the White Queen’s one, on the theme of white chess pieces, hedges, balconies and horse’s head shaped statues.
What really have not convinced me and has disappointed me very much was the plot…
↓ Spoiler below ↓
The character that surprised me the most was the White Queen: she isn’t the nice and pure Queen that I expected, but a woman who blinks to get what she wants, a woman that with a smile on her lips creates potions made of cut off fingers and then says that she can not kill the Jabberwock because she made a vow. In my opinion, the White Queen is crueler and falser than the Red Queen.
Thumb down to the ending, from the Mad Hatter’s absurd dance until Alice who becomes a merchant who wants to capture the Chinese market on her ship.

Il Castello della Regina Rossa / The Red Queen's Castle - Alice in Wonderland
Il Castello della Regina Rossa / The Red Queen’s Castle - Alice in Wonderland, 2010

Il Castello della Regina Rossa / The Red Queen's Castle - Alice in Wonderland
Il Castello della Regina Rossa / The Red Queen’s Castle - Alice in Wonderland, 2010

Laura

È un film che consiglio di vedere perchè Alice in Wonderland, con una vena grottesca e in alcuni punti macabra, rende bene l’inquietezza di Alice, scaraventata in un mondo bizzarro e all’inizio incomprensibile.
I paesaggi non rispecchiano quelli immaginati quando ero bambina, ma rappresentano bene un’idea adulta delle scenografie, maestose, poco rassicuranti e gotiche, da far perdere i punti di riferimento persino ad un adulto. Di certo sono davvero affascinanti e rappresentano più di un contorno a tutto il film, perchè “parlano e raccontano” già da sè.
I personaggi sono azzeccati e Alice, con occhiaie e vestito azzurro spiegazzato era perfetta.
Gli unici punti che ho ritenuto forzati riguardano proprio la trama, capisco che l’idea di dare uno scopo al viaggio della protagonista sia un legante tra i vari incontri, ma questo filone principale non mi ha convinta e mi è sembrato che non rispecchiasse bene nè lo stile di Tim Burton, nè quello Disney.
↓ Spoiler della trama qui sotto ↓
Mi è piaciuto invece moltissimo il riferimento al film di animazione della Disney, è come se questo film ne fosse il seguito, mettendo in scena la seconda visita di Alice a Wonderland.
Bocciato totalmente il finale dove Alice diventa una commerciante avventuriera marittima, davvero poco credibile. Perchè l’ex socio di suo padre dovrebbe ascoltare una ragazzina di 19 anni, che ha avuto un’idea banalissima e che ha piantato suo figlio sull’altare?

I recommend to watch Alice in Wonderland because, with a bit of grotesque and macabre atmosphere, communicates very well Alice’s restlessness, thrown into a strange world and at the beginning incomprehensible.
The landscapes do not reflect those imagined when I was a child, but represent very well the adult idea of majesty, not reassuring and gothic scenographies, that make even adults lose their bearings. They are definitely fascinating and don’t represent a minor element in the whole movie, because they ”communicate and tell the story” by themselves.
The characters are apt and Alice, with rings under her eyes and a rumpled blue clothes is perfect.
The only forced point is the plot, I understand that the idea of giving a purpose to the journey of the main character links the different meetings, but the main plot doesn’t convince me and I think that it doesn’t reflect well Tim Burton’s style, or the Disney style.
↓ Spoiler below ↓
I like very much the reference to the Disney animated movie, it’s as if this movie was its sequel, staging the second visit of Alice in Wonderland.
Totally rejected the ending where Alice becomes a marine merchant adventurer, absolutely not believable. Why would the associate of her father listen to a 19 year old girl, who had a banal idea and left his son?

La Regina Bianca / The White Queen - Alice in Wonderland
La Regina Bianca e Segugio / The White Queen and The Bloodhound - Alice in Wonderland, 2010

La Regina Bianca / The White Queen - Alice in Wonderland
La Regina Bianca / The White Queen - Alice in Wonderland, 2010

  • Cast

Alice: Mia Wasikowska
Il Cappellaio Matto / The Mad Hatter: Johnny Depp
La Regina Rossa / The Red Queen: Helena Bonham Carter
Stayne Il Fante di Cuori / Stayne The Knave of Hearts: Crispin Glover
La Regina Bianca / The White Queen: Anne Hathaway
Lo Stregatto / The Cheshire Cat: Stephen Fry
Il Bianconiglio / The White Rabbit: Michael Sheen
Il Brucaliffo / The Caterpillar: Alan Rickman
Ciciarampa / Jabberwock: Christopher Lee
Mallymkun / The Dormouse: Barbara Windsor
Il Leprotto Marzolino / The March Hare: Paul Whitehouse
Pincopanco & Pancopinco / Tweedledum & Tweedledee: Matt Lucas
Dodo: Michael Gough
Segugio / The Bloodhound: Timothy Spall

Lo Stregatto / The Cheshire Cat - Alice in Wonderland
Lo Stregatto / The Cheshire Cat - Alice in Wonderland, 2010

 Cappellaio Matto / The Mad Hatter - Alice in Wonderland
Il Cappellaio Matto / The Mad Hatter - Alice in Wonderland, 2010

Mallymkun / The Dormouse - Alice in Wonderland
Mallymkun / The Dormouse - Alice in Wonderland, 2010

  • Informazioni sul Film / Movie Informations

Regista / Directed by: Tim Burton
Produttore / Produced by: Richard D. Zanuck, Joe Roth, Suzanne Todd, Jennifer Todd
Sceneggiatura / Written by: Linda Woolverton (screenplay), Lewis Carroll (book)
Montaggio / Editing by: Chris Lebenzon
Studio: Roth Films, The Zanuck Company, Team Todd
Casa di produzione / Distributed by: Walt Disney Pictures
Durata / Running time: 109 minutes

Ciciarampa contro Alice / Jabberwock versus Alice - Alice in Wonderland
Ciciarampa contro Alice / Jabberwock versus Alice - Alice in Wonderland, 2010

Il Cappellaio Matto, Alice e La Regina Bianca / The Mad Hatter, Alice and The White Queen - Alice in Wonderland
Il Cappellaio Matto, Alice e La Regina Bianca / The Mad Hatter, Alice and The White Queen - Alice in Wonderland, 2010

Fonti / Via:
Official Website
Official Italian Website

Poster - Alice in Wonderland
Poster - Alice in Wonderland, 2010

Angela & Laura

 
Fairy Tale Illustrations by Courtney Brims
Elena Kalis ♥ Alice in WaterLand
Kawaii Look: Alice vs Queen of Hearts
Alice of Magic World, Themed Restaurant in Tokyo
 


Similar Posts:
Tags: , , , , , , ,
Condividi su Buzz

7 comments »

  • Dixi Wonderland said:

    I loved the movie so much! I saw it on the world primer Mars 3 and I started to lauth so hard when Sayne says “whats her name?” and the red queen says “uhm” and he dont understand and then she says “HER NAME IS UGM IDIOT” HAHAHAHAHA so funny! But I started cry when Alice left the wonderland :( I would never have left! Not if the Mad Hatter really was Johnny Depp haha! And I have the book that was written after Tim Burtons movie and it is so good. Ohh I wanna see it again :(

  • Bianca said:

    Ecco. Avete spiegato al meglio il senso di perplessità che mi ha lasciato il film. Bellissimo. Tim Burton è impareggiabile. e Johnny Deep è strepitoso. Scenografie oniriche.
    Ma cos’era quella deliranza? E Alice in versione coloniale delle Indie?
    Mah..

  • Laura said:

    @Dixi Wonderland
    I would never have left too!!! How could she do this? >___<

    @Bianca
    “Alice in versione coloniale delle Indie”, ah ah ah, esatto! Terribile!
    E dire che era così bello prima di quel finale nel finale…

  • Angela said:

    @ Bianca
    … La deliranza… avevo cercato di cancellare dalla mia mente quel nome >.< Povero Johnny!

  • Yokohama said:

    I want to see this movie! So much! But just in April 23 here, in Brazil! (T____T)

  • Stefania said:

    Uffiii, lo scorso weekend non sono andata a vederlo, ma spero in questo… Effettivamente la critica ed il pubblico che è andato a vederlo non è rimasto molto soddisfatto della storia :( Mi consolerò con le scenografie :)

  • Laura said:

    @Yokohama
    Hold on for “Alice in Wonderland”, Yoko! April is coming! :°)

    @Stefania
    E ti posso assicurare che è un bel consolarsi ^___^
    Va visto, nel bene o nel male ;)

Commenta! ♥ Comment!

Commenta, o fai trackback dal tuo sito. Puoi anche seguire i commenti via RSS.
Mi raccomando: sii kawaii =^.^= educato e no spam.
I commenti potrebbero venire revisionati nella forma e non nei contenuti.

Comment, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS. Please be kawaii and polite, no spam.
The form, not the content, of the comments could be revised.

Puoi usare questi tags: You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo blog supporta Gravatar. Per avere il tuo avatar personalizzato, registrati a Gravatar.
This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.